Dom Pérignon P2 1995: 100 e lode!

Finalmente dopo qualche mese d’assenza sono tornato nella mia adorata Champagne e questa volta per delle visite a dir poco eccezionali e illuminanti. Assieme ad Alberto Lupetti e Vania Valentini (e altri amici appassionati) abbiamo passato 2 giorni di “fuoco” passando per Charles Heidsieck, poi da Roederer, Dom Pérignon per poi finire con Filaine e Diebolt-Vallois.

Per il racconto dettagliato però ci vorrà qualche tempo (ho bisogno di riordinare le idee)!!

IMG_3846

Dom Pérignon: All’interno dell’abbazia di Hautvillers

Per il momento voglio parlarvi di uno champagne del quale mi sono innamorato fin dalla prima volta che l’ho assaggiato: Dom Pérignon 1995!

In questo caso però voglio parlarvi della sua versione P2, quindi quelle bottiglie rimaste più a lungo sui lieviti (circa 15/20 anni). Innanzi tutto facciamo un attimo chiarezza su un argomento che in passato ha destato qualche dubbio: non c’è alcuna differenza tra le bottiglie Oenoteque, quindi quelle – passatemi il termine – vecchie con l’etichetta argento, e le attuali P2 con etichetta nera. L’unica differenza “potrebbe” essere nel dègorgement: infatti dato che si tratta di un operazione effettuata manualmente perché ogni bottiglia viene controllata da un enologo, dalla prima commercializzata a quella che acquisterete domani in enoteca, potrebbe esserci un anno di differenza.

IMG_3868

Richard Geoffroy: colui che porta avanti l’essenza e lo spirito di Dom Pérignon! E’ un mito e le degustazioni con lui sono memorabili!!

Come già accennato personalmente adoro l’annata ’95: i suoi champagne sono bilanciati e oggi sono una goduria! Qualsiasi bottiglia degustata l’ho trovata in uno stato di forma eccellente e non smetterei mai di berne!

Avevo già bevuto la versione Oenoteque dell’annata 1995 in una precedente degustazione ed ero curioso di assaggiarlo nuovamente per vedere l’evoluzione e ne sono rimasto estasiato!!

IMG_3860

Un tesoro che viene versato!

Ma com’è questo P2 1995? E’ magnifico, intrigante con un naso stupendo e una bocca di una profondità incredibile. Continuavo a berlo finendo il calice. Si sà, il vino più buono è quello che beviamo e non che continuiamo a girare e rigirare nel calice. Questo ’95 è veramente notevole ed era così perfetto che è un vino da lode anzi, da 100 e lode!

IMG_3861

E’ molto interessante a proposito dei vari P2 e P3 quello che ci ha detto Geoffroy, ossia per lui sono vita: i lieviti pian piano muoiono e trasferiscono gradualmente energia al vino! Effettivamente è proprio questa la differenza tra il vintage e la versione P2: assaggiando il primo si iniziano a sentire note di maturità che rendono il vino complesso mentre la P2 ha energia mista a maturità che rendono il vino bilanciato e di una bevibilità incredibile!

Un consiglio? Comprate tutto quello che trovate perché ne vale davvero la pena!!

Degustazioni Bollicine Francesi

Tra i vari eventi a cui ho partecipato questo mese quello di cui sto per raccontarvi spazia veramente di annate e Maison in una maniera sbalorditiva.

Per questo evento siamo stati ospiti del grande Mariano al ristorante I Du Matt di Parma coadiuvato dall’ottima Maura in un ambiente riservato liberi di esprimere ognuno le proprie opinioni.

La serata si apriva con una vellutata di patate con legumi e pancetta croccante e a seguire un piatto misto di salumi che accompagnavano le tre bottiglie “apripista”:

JACQUESSON 740
La nuova nata in casa Jacquesson, annata base 2012 e sboccato a luglio 2016. Si presenta con una bella veste chiara, sinonimo di giovetù, un naso materico e con molta potenzialità. Un vino acido ma piacevole e anche sapido. 93/100

2017-02-21-21-03-54

La seconda bottiglia è:
CHARTOGNE-TAILLET COUARRES CHATEAU 2010:
è un extra brut di Merfy, vendemmia 2010 e degorgiato nell’agosto 2015, è un 100% pinot noir e al naso si percepisce nettamente anche se poi è poco espressivo e risulta addirittura corto al palato e netto. 87/100

2017-02-21-21-04-08

Restiamo sempre nell’ambito del Pinot Noir ma questa volta ci spostiamo in un villaggio di tutto rispetto: Ambonnay.

ERIK RODEZ – BEURYS 2009
Degorgiato nel dicembre 2015 anche questo è un 100% pinot noir ma si percepisce la differenza del villaggio. Champagne più fresco, più lungo e più piacevole. 89/100

2017-02-21-21-04-30

Finita la cena possiamo ora concentrarci sulla degustazioni di quelle bottiglie più “impegnative” e che necessitano di un palato pulito e partiamo subito da una bottiglia da sogno:

SALON VINTAGE 1999:
Questo 100% Chardonnay è una bomba di espressività. Naso d’agrumi con questa nota acida e matura che si contrappone a freschezza, eleganza e un finale lungo e appagante. Sicuramente una bottiglia con ancora molta strada da percorrere. 96/100

2017-02-21-21-04-43

La terza bottiglia farà brillare gli occhi a qualcuno, me compreso!

JACQUES SELOSSE MILLESIME 1999:
Solo 6000 bottiglie di questo millesimato, degorgiato il 19 gennaio 2009. Purtroppo le nostre aspettative sono subito crollate in quanto la bottiglia era compromessa e anche dandogli tempo nel bicchiere era in continuo peggioramento. Peccato.

2017-02-21-21-05-01

Ci rifacciamo con la bottiglia seguente, per me la migliore della serata.

BOLLINGER RD 1995:
Bottiglia degorgiata nel marzo 2013. Al naso è complesso ed è un trionfo di materia. Prima pan brioche e poi spicca una certa acidità e ciò mi colpisce: i vari ’95 assaggiati ultimamente risultavano pronti da bere, invece questo RD mi ha spezzato il cuore. Vorrei averne altre 10 bottiglie e aprirle a distanza l’una dall’altra per godermi le sue sfaccettature evolutive. Resta uno champagne strepitoso, veramente un mito. 98,5/100

2017-02-21-21-05-16

Di bene in meglio, come si suol dire…

KRUG COLLECTION 1990:
Bottiglia n. 4430. Presentato al pubblico l’anno scorso, il naso è inconfondibilmente Krug. Si avvertono note di pan brioche e di torrefazione ma, essendo “nuovo”, resta comunque acido e salino. 98/100

2017-02-21-21-05-34

Le prossime due bottiglie sono:

DOM PERIGNON OENOTEQUE 1996 e DOM PERIGNON P2 1996:
Ho deciso di metterle insieme perché comunque stiamo parlando dello stesso prodotto. Mi spiego meglio: per i Dom che diventano Oenoteque (o P2), il dégorgement è rigorosamente manuale. Di conseguenza un membro dello staff di Richard Geoffroy assaggia e degorgia le bottiglie che verranno poi vendute. La differenza quindi tra le due bottiglie è semplicemente nella “veste” o habillage. Si potrebbe essere che ci sia anche una differenza nel dégorgement anche se di poco tempo. Per questo motivo trovo le due bottiglie molto simili (la versione Oenoteque ha la data di dègorgement: 4/2016). Tutte freschissime è al naso lo riconosci subito. Al palato è salino e minerale come nel perfetto stile dell’etichetta. Sicuramente questa bottiglia ha molta vita davanti a se per esprimere tutto il suo potenziale. 97/100

Finita la “verticale” dei blanc, passiamo ora (tanto per non farci mancare nulla) ai rosé.

EGLY-OURIET ROSE’
degorgiato nel 2008, al naso si avvertono frutti rossi però sono delicati mai invadenti. E’ un vino minerale e complesso e credo anche che in un bicchiere scuro qualcuno possa avere difficoltà a dire che si tratti di un rosè. 91/100

2017-02-21-21-06-00

Curiosissimo di assaggiare il prossimo champagne, visto quanto mi piace il suo “predecessore”…

DOM PERIGNON P2 ROSE’ 1996:
Naso nel perfetto stile Dom Pérignon. Si avvertono i frutti rossi, la mineralità e tutta l’eleganza della maison. Ad ogni modo è uno champagne che ha ancora moltissimo bisogno di tempo per esprimersi al meglio. 96/100

2017-02-21-21-06-25

Arriviamo così all’ultima bottiglia della serata…

DOM RUINART ROSE’ 1996:
Uno champagne complesso e profondo. Armonioso e coerente tra naso e bocca ma comunque minerale. Molto interessante un eventuale abbinamento con dei grandi salumi.95/100

2017-02-21-21-06-05

Siamo giunti così alla conclusione di questa grandissima degustazione. Anche questa serata mi ha confermato come attualmente gli champagne targati ’95 siano in totale stato di grazia mentre i ’96 hanno sicuramente bisogno di tempo (noi siamo stati molto azzardati nell’aprire bottiglie così vicine al dégorgement). Sicuramente una batteria di tutto rispetto che metteva a confronto varie tipologie di champagne. Per me alcune bottiglie erano assolutamente in anteprima in quanto non avevo mai avuto l’onore di degustarle. E’ stato un enorme privilegio e sicuramente una grande responsabilità.

Annata 1996: LA degustazione!

Quella di cui sto per parlarvi era la degustazione che un po’ tutti aspettavamo. Si perché la ’96 è un annata particolare e quindi eravamo tutti curiosi di vedere a che punto sono le bottiglie in questo momento. Volevamo fare un confronto con bottiglie “normali” ma il punto è che noi probabilmente “normali” non siamo e quindi questa degustazione si è tramutata in LA degustazione e scoprirete il motivo quando vedrete le bottiglie…

Ovviamente vogliamo partire facendo un breve riassunto sull’annata 1996.

C’è chi la considera eccellente e chi invece (direi a ragione) estrema. Estrema per via del bilanciamento tra alcol potenziale (10,11) e acidità totale (9,93). Infatti mai in tre secoli di storia si sono visti valori simili. Attenzione però, questo non vuol dire che tutte le bottiglie targate ’96 devono per forza essere strepitose, chi non ha interpretato bene l’annata infatti si ritroverà uno champagne che punta nettamente all’acidità. D’altro canto, chi è stato in grado di interpretarla avrà champagne eccezionali e longevi. Come mai questo? Cerco di semplificare: con vin clairs neutri lo champagne sviluppa finezza e complessità grazie alla seconda fermentazione. Invece i vin clairs dell’annata 1996 erano molto marcati e quindi stava alla maison riuscire ad interpretare bene l’annata con l’assemblaggio. Ad ogni modo, grazie a questa estrema acidità, gli champagne ’96 hanno lunga vita davanti!

Tenendo quanto detto in mente, ci dirigiamo verso quel tempio culinario che risponde al nome di Canale Maestro  dove ci attende Ricky con la sua ottima cucina, ospitalità e staff pronti per dare inizio alla verticale.

2017-02-13-21-28-10

La prima bottiglia in degustazione è William Deutz 1996. Cuvée de prestige della maison Deutz, è un omaggio al fondatore. Composta da 60% Pinot Noir, 30% Chardonnay e 10% Meunier, è uno dei rari champagne che utilizzano anche quest’ultima uva. Svolge la malolattica e matura non meno di 8 anni sui lieviti per poi essere dosato (9gr/l) e di nuovo in cantina per altri 6 mesi. Il naso è dinamico segnato dalla freschezza dovuta all’acidità ma anche maturità. La bocca è in linea col naso ed è un trionfo di materia. Champagne buono anche se sul finale resta questo acidulo tipico dell’annata! 95/100

2017-02-13-20-31-09

La seconda bottiglia è La Grande Dame 1996. 64% Pinot Noir e 36% Chardonnay, dosaggio 8gr/l. Cuvée de prestige di Veuve Clicquot, creata in onore di M.me Clicquot, è realizzata con i vigneti di proprietà acquistati proprio da lei. E’ un vino regale, di tutto altro spessore rispetto al precedente. Qui il naso è più dolce, comunque fresco e profondo mentre in bocca è minerale e davvero sorprendente: sorprendente perché ti rendi conto che questa bottiglia aveva ancora lunga vita davanti a se! Vi prego, date tempo a questa etichetta e vi ripagherà come solo i grandi vini sanno fare! 97/100

2017-02-13-20-50-51

La terza bottiglia è Dom Pérignon 1996. Non ha bisogno di presentazioni, è lui, il Dom! E’ di un eleganza unica, oserei dire nobile. Non teme gli anni che passano anzi, da questi ne trae forza e struttura tanto che lo bevi e lo torni a bere finché non finisci il bicchiere perché è grande ed accompagna perfettamente ogni pietanza. Questo Dom Pérignon non morirà mai, godetevelo anche tra 20 anni perché lui vi ricambierà senz’altro e non mi stupisce se tra qualche anno raggiungerà la perfezione, per adesso c’è molto vicino! 99/100

2017-02-13-21-16-28

Arriviamo alla quarta bottiglia, l’ultima della “prima parte”: Clos De Goisses 1996. Un clos è un vigneto racchiuso da mura e questo viene definito come uno dei più belli della Champagne. Composto da 65% Pinot Noir e 35% Chardonnay, questa bottiglia è stata degorgiata in Aprile 2006. E’ uno champagne più complicato rispetto ai precedenti ma comunque affascinante e minerale. Ha uno spunto spiccatamente acido sul finale ma col tempo credo si “aggiusterà”. 96/100

2017-02-13-21-33-46

Ovviamente la cucina del Canale Maestro continua a “viziarci” con le sue prelibatezze…

2017-02-13-22-10-22

La seconda parte si apre con Krug Vintage 1996. Il naso è tipicamente Krug, con queste note di pan brioche, poi spunta la cotogna e le spezie. La bocca è energica ma forse ancora un po’ acido, sicuramente un’altra bottiglia con ancora tanta potenzialità! 98/100

2017-02-13-22-10-58

E adesso passiamo ai due mostri della serata! Non vi nascondo un po’ d’emozione anche perché è la prima volta che li assaggio.

Iniziamo con Krug Clos du Mesnil 1996. Un altro “Clos” mitico della Champagne. E’ composto da sole uve Chardonnay e la nostra bottiglia era la 5346 di 8607. Questo vino è strepitoso a partire dal naso, tipicamente Krug per la sua enorme intensità. La bocca è tesa, “figlia” dell’annata, infatti ha un acidità prorompente che però non disturba ma è armonioso. 98/100

L’ultima bottiglia è un autentica chicca: Krug Clos d’Ambonnay 1996. 100% Pinot Noir. Lanciato solo nel 2008, questo champagne nasce da un piccolo vigneto nella Montagne de Reims. Pensate che è talmente piccolo che viene vendemmiato in un sol giorno e sulla bottiglia è indicata la data: 25 Settembre 1996. Al naso è un Krug, ricco di materia e direi anche sofisticato. In bocca è strepitoso con le bollicine fini e pieno di energia e incisività! Sarà forse per la rarità della bottiglia, sarà perché è il primo assaggio ma a me questo vino piace molto (tra l’altro adoro il Pinot Noir in purezza) e secondo me questa bottiglia è molto vicina alla perfezione. 99/100

2017-02-14-16-14-12

Una gran serata non c’è che dire! Ma a conclusione com’è questa mitizzata annata 1996?? Sicuramente iniziamo a raggiungere un buon livello generale. Trovo che in questo momento la ’95 sia ancora meglio della ’96 ma non ho notato quella spiccata e ,a volte, fastidiosa acidità presente in passati assaggi. Sicuramente andando avanti alcune bottiglie saranno delle autentiche chicche!!

P.S. Abbiamo terminato la degustazione con un’altra ’96….

2017-02-14-00-34-02

P.P.S. Nel caso vogliate approfondire la particolarità dell’annata 1996, vi invito a visitare il sito di Alberto Lupetti (www.lemiebollicine.com) dove potrete soddisfare la vostra “sete” di curiosità!

Annata 2002: proprio niente male

Era da qualche tempo che, assieme ai miei valorosi compagni, volevamo fare questa sorta di mini degustazione dell’annata 2002. Dopo varie peripezie finalmente ci siamo decisi e si potrebbe dire che il merito è tutto di quell’autentico mostro bevuto la settimana scorsa che risponde al nome di Cristal 2002.

Così in breve tempo mettiamo insieme le bottiglie e decidiamo per martedì 7 Febbraio.

Prima di svelarvi le bottiglie e quindi passare alla degustazione, facciamo un breve esame dell’annata 2002. Da molti definita la grande annata della decade ed effettivamente male non è. Il clima, mediamente caldo e asciutto, cambiava repentino con alternanza tra caldo e temporali da agosto a settembre per poi concedere bellissime giornate fino alla vendemmia avvenuta alla fine di settembre. Come risultato, vini eccellenti, concentrati, potenti ed anche espressivi. Insomma, un annata da 4 stelle!

Passiamo adesso alla cena e di conseguenza alla degustazione.

2017-01-31-20-19-47

Nel frattempo vengono serviti gli antipasti e la prima bottiglia fa capolino sul tavolo: Philipponat Grand Blanc Millesime 2002, degorgiato nel 2008 e dosato da brut a 5gr/lt. Questo champagne è un Blanc de Blancs quindi composto esclusivamente da uve Chardonnay e al naso si percepisce subito. Fruttato di agrumi ma poi spunta la cotogna e il pan brioche. In bocca è pieno e preciso, uno champagne che soddisfa e che bevi volentieri, 92/100.

2017-02-07-20-21-42

Mentre siamo ancora intenti a consumare gli antipasti, arriva la seconda bottiglia: Perrier Jouet Belle Epoque 2002. E’ la prima Belle Epoque del 2000. Il naso è fresco e minerale e nonostante in bocca il primo sorso è potente purtroppo trovo che manca in struttura in quanto il finale è netto e non dà a nessuno dei commensali soddisfazione. Per ora non va oltre i 90/100.

2017-02-07-21-01-34

Mentre termina il Belle Epoque scopriamo che ci sono stati riservati degli astici e quindi nel frattempo arriva il piatto principale…

2017-02-07-21-26-39

La terza bottiglia è una vecchia conoscenza: Cristal 2002. Questa bottiglia è il riflesso di quella della settimana scorsa. Lo champagne è perfettamente bilanciato tra maturità e freschezza e ne berresti a litri indipendentemente da evento o stato d’animo. Grazie Jean Baptiste Lécaillon per questo meraviglioso champagne! 98/100.

2017-02-07-21-28-03

Quarta bottiglia Bollinger Grande Année 2002. Un altra strepitosa bottiglia degorgiata a luglio 2011. Il colore è stupendo, un bel giallo carico che al naso restituisce dolcezze di pasticceria e mineralità mentre al palato è elegante e allo stesso tempo fresco. Un vino strutturato e nel rispetto dello stile della Maison. Per me la seconda bottiglia della serata 97/100.

2017-02-07-21-54-10

La quarta bottiglia è un mix tra fascino e scetticismo: Jacquesson millesime 2002. Purtroppo hanno vinto gli “scettici”, questa bottiglia purtroppo aveva un sentore di tappo che per un momento è sparito dal bicchiere per poi tornare prepotentemente dopo qualche minuto ancora d’attesa! Peccato! SV

2017-02-07-22-21-26

Chiude la serata il Pol Roger Winston Churchill 2002. Per me un battesimo, infatti non l’avevo mai bevuto. E’ uno champagne mitico, intenso d’agrume al naso ma comunque minerale. In bocca invece seppur molto equilibrato lo trovo elegantissimo anche per via della sua bollicina finissima ma decisamente giovane. Ho dovuto riflettere un po’ sul voto perché essendo la prima bottiglia bevuta mi trovavo in difficoltà. Alla fine credo sia da 95/100.

2017-02-07-22-43-42

Ecco di seguito la batteria completa! Si c’è una bottiglia in più il Brut Nature di Roederer, versione 2006… “Purtroppo” c’era chi aveva ancora sete!!!

2017-02-08-13-07-57

Qualche considerazione finale: la sorpresa della serata è stato il Philipponat che nonostante combattesse con delle top cuvée ha tenuto alta la testa e si è fatto valere. Purtroppo il Belle Epoque non riesce a convincerci, gli manca quel qualcosa che, credo indipendentemente dai gusti, ti renda la bevuta un evento perché alla fine lo champagne è piacere e cosa c’è di meglio che berlo con i propri amici!!

Solita conferma il Cristal, un mostro, seguito a ruota dalla Grande Année veramente in splendida forma. Peccato per il Jacquesson ma la bottiglia davvero non era all’altezza tant’è che ne abbiamo lasciato metà! Winston Churchill? Bé al prossimo scontro! Adesso so cosa aspettarmi e non vedo l’ora di confrontarmi nuovamente con te!

Cristal: guai a sottovalutarlo!

A cosa pensate se dico Cristal? Discoteca? Lusso? Feste? Vi prego no… Facciamo un bel respiro e ricominciamo daccapo!

In passato la cuvée de prestige di Roederer è stata spesso associata a eventi mondani o comunque al lusso e si sa’, una volta entrati in questo “vortice”, è difficilissimo uscirne ma questo non vuol dire che non sia un vino di qualità, di estrema qualità!

Personalmente odio certi stereotipi e trovo ingiusto “ghettizzare” un vino solo perché lo abbiamo visto alla festa di Tizio o all’evento di Caio; è altrettanto vero che invece ho considerato il Cristal uno champagne eccezionale ma che esprime tutto il suo potenziale diversi anni dopo il dégorgement (c’è chi dice addirittura 20 ma capisco sia difficile aspettare così tanto).

Che fare quindi? Non volevamo passare la serata col dubbio e così in due ore abbiamo messo su una “mini” degustazione di Cristal (solo la versione Blanc) di cui tra breve vi racconterò nel dettaglio, prima un ripassino veloce sulla storia di questo meraviglioso Champagne!

Il Cristal fu creato da Louis Roederer II nel 1876 esclusivamente per lo Zar Alexandar II di Russia il quale per differenziarsi da tutti gli altri, chiese a Roederer di creargli uno champagne “speciale”. Nacque così il Cristal, chiamato così proprio perché la bottiglia era in cristallo, e con il fondo piatto.

Purtroppo con la Rivoluzione Russa del 1917 il mercato dello champagne crolla e il Cristal non viene più prodotto fino a quando nel 1932 torna sul mercato fortunatamente per tutti e non solo per lo “zar”!!!

2017-01-31-20-13-34

Come avrete letto ho avuto la fortuna di assaggiare il Cristal direttamente col suo creatore Jean-Baptiste Lécaillon, questa volta invece mi sono “accontentato” dei miei compagni d’avventura e di seguito passiamo alla degustazione!

La serata inizia con gli antipasti e Cristal 2006. Qui possiamo dire che trova conferma la “regola”. Questo Cristal è strepitoso, buonissimo e freschissimo ma molto giovane il che si evince subito: basta guardare il colore che troviamo nel calice. Ha ancora molta strada davanti ma la stoffa c’è eccome. Note fruttate al naso che trovano conferma al palato. Spero di poterlo riassaggiare con qualche anno in più sulle spalle. 94/100

2017-01-31-20-19-47

La seconda bottiglia della serata e il 2002. E qui potrei già chiudere le mie considerazioni nel senso che non c’è nulla da aggiungere. Questo champagne è fantastico con il perfetto connubio tra maturità e freschezza. Al calice è sempre un giallo tenue ma il naso ci mette davanti ad una bottiglia di un altra caratura e la bocca ci conferma le nostre impressioni olfattive! Signori vi prego, se ne avete a casa fatemelo sapere e apriamola insieme! 98/100

2017-01-31-20-41-02

Ovviamente non siamo a stomaco vuoto anzi, arrivano i primi!

2017-01-31-20-53-50

Nel frattempo la serata procede e mentre finiamo di gustarci i secondi viene servita la terza bottiglia della serata il 1997. Avevo già avuto modo di berla due anni fa e quindi ero molto curioso di assaggiarlo nuovamente. Il calice si presenta diversamente, abbiamo un bel giallo ambrato che fa da apripista a quello che ci aspetta al palato. Anche questo è un altro grandissimo Cristal direi elegante e floreale nonostante abbia i suoi annetti che però non pesano nel senso che questo champagne si fa bere eccome e non stanca mai. Per me il secondo della serata. 96/100

2017-01-31-21-11-35

Adesso eravamo tutti in aspettazione dei due mostri sacri 1990 e 1986. Purtroppo le bottiglie non erano perfette soprattutto la ’90 e quindi non voglio dare giudizi anche se la ’86 era leggermente meglio. Peccato perché non capita tutti i giorni di avere a che fare con dei Cristal di queste annate. Speriamo che ricapiti l’occasione!

Alla fine che dire… Non fate l’errore di sottovalutare il Cristal. Fidatevi, non ha nulla a che vedere con lo stereotipo che ci hanno portato a pensare. Questo champagne è buonissimo e la Maison Roederer è sinonimo di eccellenza! Dategli qualche anno, conservatelo accuratamente in cantina, e vedrete che ne resterete ammaliati.

2017-02-01-16-49-21

 

Dom Pérignon – Private Tasting 2000 – 1982 – Oenoteque vs Vintage

Una serata straordinaria all’insegna di Dom Pérignon

Ultimamente con un gruppo di amici abbiamo dato vita a delle serate all’insegna della buona compagnia, del buon cibo e ovviamente del buon anzi, ottimo, champagne! Se la location è rimasta invariata ed è quel tempio della cucina che risponde al nome I Du Matt, dove lo chef Mariano e la sous chef Maura ci deliziano con portate al limite della legalità, la maison è a nostra discrezione e dopo Krug è stata la volta di Dom Pérignon. In poco tempo è stata decisa la data e ognuno dei partecipanti portava una bottiglia: l’obbiettivo era mettere a confronto, dove possibile, il vintage con la versione Oenoteque o P2. Le bottiglie in degustazione erano in ordine: Vintage 2000, Vintage – P2 1998, Vintage – Oenoteque – Rosé 1996, Vintage – Oenoteque 1995, Vintage – Oenoteque 1990, Vintage 1982. Qualora ce ne fosse il bisogno vi confermo l’ottima riuscita della serata e vi lascio al racconto sperando sia di vostro gradimento!

2016-09-06-09-11-32

 Dopo aver preparato le bottiglie aprendo le più “vecchie” così da averle pronte per la degustazione, ci accomodiamo a tavola dove mentre lo chef ci serve il primo piatto io verso il primo Dom della serata: il Vintage 2000; l’antipasto era carne salada con finocchio e zucchina. Il Dom 2000 si presenta davvero bene al bicchiere e il naso è assolutamente Dom. Ho avuto occasione tra l’altro di berlo una settimana fa e devo dire che conferma le stesse impressioni: la sua mineralità inconfondibile e al gusto è in perfetto equilibrio tra maturità e freschezza. In questo momento ne berrei a litri perché è davvero molto buono: 94/100.

2016-09-06-09-11-35

Dom 2000 e antipasto

Dom 2000 e antipasto

Dopo l’antipasto si comincia forte e inizio a versare nei bicchieri il Vintage 1998 e il P2 1998 mentre a tavola arriva il primo piatto d’eccezione: Vellutata di zucca con aceto balsamico tradizionale di oltre 35anni e tartufo nero.

Vellutata di zucca con tartufo nero

Vellutata di zucca con tartufo nero

Il vintage 1998 ovviamente ha un colore più intenso rispetto al P2 che in questo momento e con queste bottiglie risulta un pelo inferiore al vintage che coinvolge tutti i sensi con la sua acidità bellissima, elegante ma diretto e immediato. In questo momento direi 95/100 Vintage 1998 e 94/100 P2 1998.

2016-09-06-09-11-44 "Fratelli a confronto": Vintage 1998 e P2 1998

Una veloce pausa ci prepara al piatto successivo (qui ho fatto il maleducato: dopo averlo divorato ho chiesto il bis, era troppo buono!!!): fagottini al coniglio con il suo ristretto e salsa di peperoni.

I fagottini: una bontà!

I fagottini: una bontà!

Quest’ottimo piatto accompagnava tre bottiglie eccezionali: Vintage 1996, Oenoteque 1996 e Rosé 1996! Metto le mani avanti subito sperando di non accogliere le ire di coloro che trovano questa 1996 un annata straordinaria, io la definirei invece estrema (Lupetti docet): in effetti questi champagne hanno stoffa da vendere per carità, ma attualmente risultano ancora giovani e con molta strada ancora da percorrere. Queste tre bottiglie ne sono l’esempio: il Vintage 1996 risulta più godibile per via della minore sapidita dell’Oenoteque che invece risulta molto giovane e quasi dispiace di averlo adesso nel bicchiere e se l’OE era giovane, figuriamoci il rosé che è e sarà un grandissimo… Appunto, sarà e saranno…. Vintage 1996 94/100Oenoteque 1996 93/100 Rosé 1996 93/100.

2016-09-06-09-11-51 2016-09-06-09-11-54

Trittico di 1996: Vintage, OE, Rosé

Trittico di 1996: Vintage, OE, Rosé

Con la smania di un bambino invece ci avviciniamo alle bottiglie che era da tempo che aspettavo di riassaggiare: Vintage 1995 e Oenoteque 1995. Il piatto che accompagna questi due mostri è uno stinco di maiale nel suo fondo con puré di melanzane, un altro capolavoro di Mariano. La cottura molto lenta ha reso questa carne tenerissima tanto da rendere difficoltoso il taglio ma allo stesso tempo conservava tutti i sapori ed un “sughetto” da leccarsi i baffi.

Stinco di maiale e puré di melanzane

Stinco di maiale e puré di melanzane

Oggi l’annata 1995 rivela tutto il suo potenziale a valore e questi champagne sono eccezionali e forse l’abbiamo sottovalutata in favore della 1996 ma questi champagne sono spettacolari. Il Vintage è un ruffiano, si avverte una leggera ossidazione ma è vivo ed è straordinario e mi piace da impazzire e se questo è il vintage, l’Oenoteque è monumentale! Si, confermo, la 1995 adesso è un passo avanti alla 1996. Vintage 1995 96/100 Oenoteque 1995 97/100.

img_4143

Double immenso: Vintage 1995 e Oenoteque 1995

Double immenso: Vintage 1995 e Oenoteque 1995

Un altra pausa veloce e poi subito pronti per il primo dei due dolci: Cannolo alla ricotta con cioccolato e canditi. La particolarità di questo piatto è che la ricotta e la panna utilizzati sono di Parmigiano Reggiano. Le bottiglie che accompagnano questo dolce sono il Vintage 1990 e l’Oenoteque 1990.

Cannolo alla ricotta con cioccolato e canditi

Cannolo alla ricotta con cioccolato e canditi

La 1990, per molti la migliore del secolo, è l’ultima del terzetto magico che comprende 1988, 1989, 1990. Quest’annata ha dato vita a grandissimi champagne. Hanno lunga vita davanti ma anche oggi sono bottiglie memorabili. Il Vintage bevuto da noi purtroppo non era perfetto ma ha materia ed e, cercando di andare oltre i suoi difetti, mi sento di assegnargli un 95/100; l’Oenoteque invece è in una forma smagliante ed è superiore al vintage, siamo sui 97/100.

2016-09-06-09-12-02

Mostri a confronto: Vintage e Oenoteque 1990

Mostri a confronto: Vintage e Oenoteque 1990

Siamo giunti quasi a fine cena e nonostante siamo quasi all’orlo ci aspetta un “appetizer”, giusto per riempire l’ultimo buco: la Piccola pasticceria.

La "piccola" pasticceria

La “piccola” pasticceria

Quest’ultimo piatto ci porta all’ultima bottiglia per la serata: il Vintage 1982. Il capolavoro della serata, di un’annata eccellente che ha dato vita a vini ricchi e complessi con grandi capacità d’invecchiamento. Guardate in foto che colore stupendo che ha, questo Dom è energico e strutturato con una maturita che definirei perfetta che ci fa chiudere la serata nel migliore dei modi: 98/100.

Vintage 1982

Vintage 1982

Siamo giunti così a fine serata che ci ha permesso di confrontare quasi vent’anni di Dom Pérignon, mettendo alla prova la sua capacità d’invecchiamento, anche se non avevamo dubbi. Voglio ringraziare lo staff de’ I Du Matt, Mariano e Maura per la loro ospitalità (fateci una scappata ve lo consiglio), e il grande Filippo perché alla fine è l’ideatore di queste serate che alla fine tutti insieme rendiamo uniche.

Accademia dello Champagne: la genesi!

Si è vero, avete ragione, è un bel po’ di tempo che  non scriviamo sul sito.
Però ci teniamo a tornare col botto: è ufficiale infatti, dopo due tentativi, la creazione dell’Accademia dello Champagne. No tranquilli, non c’è da studiare anche se, personalmente, mi piace “studiare” ed imparare cose nuove sullo champagne, soprattutto se il sapere arriva dalla sapiente mente di Alberto Lupetti coadiuvato da Vania Valentini.

2016-02-23 20.41.28

Assieme a loro dunque, io e Marco abbiamo dato vita a questa Accademia che altro non è che un nuovo dove ci troviamo, organizzando serate di degustazione. Abbiamo inaugurato con la maison Mumm a cui addirittura erano presenti 40 persone e proseguito con Selosse, uno dei miti della Champagne.

Sicuramente l’avventura proseguirà permettendoci così di conoscere i segreti della Champagne e dello champagne.

Al nostro fianco sicuramente ci saranno nostri amici che ci concederanno alcune delle loro squisitezze da accostare alle varie bottiglie, ne è un esempio Angelo Capasso, fantastico produttore del parmense che risponde al nome di Salumificio Squisito; abbiamo avuto anche l’acqua Filette come “sponsor tecnico”, passatemi il termine. Fidatevi, c’è acqua e acqua…

2016-02-23 20.44.40

In abbinamento invece con gli champagne Selosse, abbiamo avuto la fortuna di conoscere il salmone Upstream in merito al quale l’unica parola che viene è: che spettacolo!! Un salmone così e difficile anche solo immaginarlo. Fidatevi, provatelo, assaggiatelo, e poi mi saprete dire!

2016-04-11 20.17.18

Grandi Champagne e salmone Upstream

Insomma, avete visto che le novità non mancano anzi, siamo sempre in costante evoluzione!

Continuate quindi a seguirci e  ne vedrete delle belle!

2016-04-11 20.17.05